Aggiornamento Aram Quartet…

Fino a ieri non eravamo riusciti a trovare l’inedito….ma adesso eccolo qua!!! Costa davvero poco su ITunes e vale la pena acquistarlo!

Buon ascolto a tutti!

Annunci

EVVIVA! Gli Aram Quartet vincitori di XFactor!

E giustizia fu! Finalmente ci siamo sentiti rappresentati in qualcosa che, sebbene sia futile, ci auguravamo accadesse, troppo spesso abbiamo visto il trionfo del nulla, questa votla grazie agli Aram Quartet ed alla regia di Morgan e di Gaudi è accaduto il contrario. Ci speravamo sin dalla prima puntata, li abbiamo seguiti e coccolati come se li avessimo conosciuti di persona, forse anche perchè rappresentavano un po’ il sogno di tutti quelli che vorrebbero uscire dal loro Myspace, proprio come i tanti artisti che abbiamo avuto la fortuna diconoscere musicalmente grazie alla meravigliosa avventura del PizzaCast.

Da domani sarà disponibile su ITunes il loro singolo “Chi (Who)” scritto da Morgan e Gaudi, dal 30 Maggio lo troveremo direttamente nei negozi.

Ci auguriamo di poter acquistare presto un loro album, questi ragazzi meritano!

Auguri per tutto Aram Quartet, per una volta vogliamo chiamrli tutti per nome (in ordine di apparizione da sinistra nella foto accanto): Raffaele Simone, Antonio Ancora, Antonio Maggio, Michele Cortese.

Un abbraccio davvero commosso dai Pizza.

Storia e descrizione del gruppo

MySpace degli Aram Quartet

Foto della finale

Aram Quartet in…Tommy!!

Un’altro esperimento riuscito quello dei bravissimi Aram Quartet e delle loro guide, Morgan e Gaudi, un medley tratto dello splendido capolavoro che è stata la rock-opera “Tommy” degli Who.

E’ bello vedere anche in televisione che la musica con la “m” maiuscola può avere il suo spazio affinchè non si dimentichi la qualità di certe note, il senso delle esperienze del passato che hanno costruito sonorità e profondita del presente e del futuro.

Dopo tanto coraggio, bravura e impegno ci auguriamo che possa vincere la qualità e l’originalità…almeno una volta, sarebbe un segnale, seppure piccolo e forse poco significativo, che qualcosa può cambiare, che non dobbiamo rassegnarci ancora una volta alla logica del “vince chi venderà di più” come se a decidedre non fosse il gusto musicale di un grande popolo da sempre abituato a grandi artisti, ma semplicemente una strana entità che aleggia in tutte le cose e che spesso vuol farci credere di aver preso il sopravvento, la superificialità.

Al grido di: non è vero che tutto va bene, c’è un limite alla decenza! Forza Aram!!!:)